informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Psicologia cognitiva: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Psicologia cognitiva: definizione e caratteristiche Studiare a Milano

La piscologia cognitiva rientra, attualmente, tra le terapie più efficaci per il trattamento dei disturbi mentali.

La sua validità, ampiamente dimostrata nel corso del tempo da numerose sperimentazioni, ha profondamente influenzato la psicoterapia, dando vita a quella che oggi viene definita ‘terapia cognitiva’.

Il motivo per il quale la terapia cognitiva risulta essere particolarmente efficace è da ricercare nei risultati di molti studi, i quali hanno rilevato che i pensieri influiscono sul comportamento dell’essere umano, e in alcuni casi lo addirittura lo determinano.

Prima di addentrarci nell’ambito della materia, e di conoscerne caratteristiche e finalità, è d’obbligo una breve premessa in merito al concetto principale intorno al quale ruota la branca psicologica: il cognitivismo.

Il termine cognitivo è sinonimo di pensiero e di conoscenza; nel caso specifico si riferisce alla capacità dell’essere umano di raccogliere informazioni dall’ambiente che lo circonda, di analizzarle e valutarle.
L’elaborazione delle informazioni diventa quindi la base sulla quale viene strutturato il comportamento.

La funzioni cognitive, che sono percezione, intelligenza, ragionamento, giudizio e memoria, permettono all’uomo di adeguare il comportamento all’ambiente circostante, o al contrario di modificare l’ambiente circostante in funzione delle proprie esigenze.

Cos’è la psicologia cognitiva

Per iniziare a familiarizzare con la materia riportiamo di seguito la definizione di psicologia cognitiva presente sul sito di Wikipedia:

“ La psicologia cognitiva, anche detta cognitivismo, è una branca della psicologia applicata allo studio dei processi cognitivi, teorizzata intorno al 1967 dallo psicologo statunitense Ulric Neisser, che ha come obiettivo lo studio dei processi mentali mediante i quali le informazioni vengono acquisite dal sistema cognitivo, elaborate, memorizzate e recuperate.”

Si tratta quindi di una disciplina che studia quegli aspetti del comportamento umano che non possono essere osservati, in quanto mentali.
Obiettivo della branca psicologica è individuare quelle idee che arrivano alla mente e che influenzano il comportamento.

Le origini

La psicologia congnitiva nasce negli anni ‘60, dall’esigenza di colmare le lacune della psicologia comportamentale.
Quest’ultima, per quanto esaustiva rispetto a molti fenomeni psicologici, era limitata alla spiegazione di ciò che era osservabile.
Un esempio per comprendere meglio il concetto: il comportamentismo non era in grado di spiegare il motivo per il quale in presenza di uno stesso condizionamento gli individui rispondessero in maniera diversa.

Molti studiosi iniziarono a focalizzare l’attenzione sui processi che si sviluppavano nella mente nel corso del tempo; quei processi che si collocavano tra la ricezione di uno stimolo e il comportamento, ossia la risposta allo stimolo.
Si studiarono processi quali il ragionamento, la memoria e l’immaginazione.

Da quel momento in poi inizia a svilupparsi la ‘rivoluzione cognitiva’

Tra i nomi che più di altri hanno dato un contributo allo sviluppo della psicologia cognitiva ricordiamo F.C. Barlett, professore all’università di Harvard noto per la sua teoria degli schemi della mente.
Barlett notò, in seguito ad alcuni esperimenti, che gli individui tendevano a ricordare più facilmente ciò che si allineava con i propri schemi mentali.

Un altro personaggio che merita di essere citato è Jerome Bruner, i cui studi sui processi cognitivi hanno influenzato in maniera importante la pedagogia, soprattutto nell’ambito dell’educazione.

Secondo il pensiero pedagogico dello psicologo statunitense si apprende più rapidamente quando ci si immerge totalmente nella conoscenza.

L’approccio terapeutico

Le terapie impostate sulla psicologia cognitiva si basano sul concetto che i disturbi emozionali sono causati dall’interpretazione che l’individuo effettua sull’ambiente circostante e sui relativi eventi.

Quelli che vengono definiti ‘pensieri irrazionali’ sono considerati come la fonte principale del disturbo
In altre parole, si tratta di quei pensieri che, influenzati dalla società e dal contesto nel quale l’individuo è inserito, si trasformano in convinzioni e credenze.
Col tempo convinzioni e credenze si consolidano dando vita ai famosi ‘schemi’, ossia quelle strutture mentali e di coscienza che influenzano il processo di interpretazione e condizionano il comportamento.

I disturbi emozionali sono quindi provocati dai difetti di elaborazione delle informazioni, per cui da distorsioni cognitive e pensieri negativi.

L’approccio terapeutico di tipo cognitivo è quindi finalizzato a confutare tali fattori, ovvero a mettere in discussione quelle convinzioni e quegli schemi ‘esagerati’, o che non corrispondono con la realtà circostante.

La psicologia cognitiva parte dall’osservazione della regolarità con la quale si presentano gli eventi; essa si basa su indagini sperimentali, su metodi sistemici che consentono di individuare, studiare e capire i fenomeni psicologici come se fossero fenomeni oggettivamente dati.

Il monitoraggio dei sintomi permette di formulare e verificare le ipotesi relative ai fattori che determinano il disturbo.

Il modello terapeutico combina l’esperimento, finalizzato a mettere in evidenza i processi cognitivi, con l’osservazione e l’analisi dei dati.

psicologia cognitiva definizione

La specializzazioni nell’ambito della criminologia

Concludiamo il post con l’aspetto che riguarda le prospettive lavorative legate alla padronanza della materia psicologica.

La psicologia cognitiva, per la sua stessa natura, consente di individuare i processi che conducono l’essere umano a sviluppare determinati comportamenti in relazione a ciò che lo circonda.
Per tale motivo, tra i campi di applicazione della disciplina rientra anche la criminologia.

Chi opera come criminologo svolge un ruolo fondamentale e delicato, per il quale è richiesta una preparazione multidisciplinare, che abbraccia nozioni giuridiche, socio-economiche e principalmente psicologiche.

Sulla scia di una professione piuttosto ambita, sia per il fascino che emerge dalle numerose produzioni televisive che spettacolarizzano la criminologia e sia per le opportunità occupazionali, l’università telematica Niccolò Cusano ha attivato un ampio ventaglio di master in criminologia a Milano che risponde a qualsiasi esigenza di specializzazione.

Ecco di seguito alcune proposte.

Master in criminologia clinica

Una delle specializzazioni più gettonate, e maggiormente spendibili sul mercato del lavoro, è quella oggetto del master di secondo livello in ‘Criminologia clinica’.

Obiettivo principale del corso è fornire una preparazione completa nel campo dell’analisi del crimine, con focus specifici sulle metodologie che riguardano l’individuazione, la valutazione e la gestione del comportamento criminale.

Master in criminologia e diritto penale. Analisi criminale e politiche per la sicurezza urbana

Il master in ‘Criminologia e diritto penale’ è un percorso di studi post-laurea di II livello che mira a fornire una visione generale e integrata dei vari fenomeni criminosi.
In particolare, il programma si focalizza sulle dinamiche che si pongono alla base di un crimine, fornendo al corsista una preparazione interdisciplinare che integra competenze afferenti la medicina, la giurisprudenza, la sociologia e la psicologia.

Master in criminologia, dipendenze e business della droga

Tra i percorsi di studio più attuali per quanto riguarda l’allineamnto con i nuovi scenari investigativi  internazionali rientra il master in ‘Criminologia, dipendenze e business della droga’.

Si tratta di un percorso post-laurea di II livello che mira a fornire ai corsisti le conoscenze necessarie per individuare e comprendere le dinamiche che conducono gli individui dipendenti da droghe a commettere un crimine.

Master in criminologia e sicurezza nel mondo contemporaneo

Concludiamo la panoramica di percorsi di specializzazione con il master in ‘Criminologia e sicurezza nel mondo contemporaneo’, un corso post-laurea di primo livello che si concentra sui fenomeni criminosi che per la loro particolare complessità destano maggiore allarme sociale, sia a livello nazionale che internazionale.

Il programma mira a fornire le conoscenze e i mezzi pratici per poter operare nel’ambito della sicurezza; allo stesso tempo intende sviluppare e stimolare nei corsisti una riflessione analitica sulle tematica.

Se desideri ricevere ulteriori info e dettagli sui master online Unicusano contattaci, senza alcun impegno, attraverso il form che trovi cliccando qui!

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali