informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Unicusano ha attivato un corso di laurea in ingegneria meccanica a Milano della durata di 3 anni, corso che si sviluppa come uno specifico “curriculum”, o indirizzo, del più generale corso di laurea triennale in ingegneria industriale.

Tale corso di laurea è rivolto a tutti i neodiplomati che desiderano intraprendere un percorso di formazione rispetto alle tematiche della progettazione e della gestione di macchinari a complessità crescente nell’ambito dell’industria.

Il corso ha una durata di tre anni e può opzionalmente essere integrato con il corrispondente corso di laurea magistrale in ingegneria meccanica erogato da Unicusano.

La laurea triennale in ingegneria meccanica rilasciata da Unicusano a Milano rappresenta il volano ideale per chi vuole diventare un professionista affermato nell’ambito della progettazione meccanica (progettazione che secondo gli standard tecnologici attuali può riferirsi alla componentistica o a macchinari veri e propri), grazie ad una piena conoscenza degli strumenti normalmente utilizzati per il disegno e la progettazione meccanica, e dei principi che sovrintendono alla gestione ed organizzazione degli impianti industriali.

La laurea in ingegneria meccanica è tra quelle, ad oggi, maggiormente in grado di assicurare ottime possibilità di impiego ai neolaureati e di carriera a chi già esercita la professione; una professione che, guardando lo stato attuale del mercato del lavoro in quest’ambito, può essere intesa nella forma del lavoro dipendente presso industrie ed aziende di servizi, nel pubblico (come sovrintendenti alla gestione di macchinari utilizzati ad esempio in campo sanitario), o da liberi professionisti.

In questo terzo ed ultimo contesto si concentrano peraltro le opportunità per i migliori ingegneri meccanici di allargare l’orizzonte geografico della propria attività professionale anche alle realtà produttive che sono fuori dal nostro Paese e che, soprattutto in alcune aree come il Medio Oriente e l’Africa, sembrano ancora particolarmente apprezzare la formazione e la professionalità degli ingegneri provenienti dalle università italiane.