informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quello delle aziende e delle industrie è da sempre uno degli ambiti dove per antonomasia gli ingegneri vengono chiamati a portare il loro know how di progettazione, di gestione e supervisione tecnologica, e di management dei processi.

C’è dunque una continua richiesta di manodopera in tal senso, richiesta che non sempre il mondo universitario italiano è riuscito a soddisfare né da un punto di vista numerico né qualitativo.

E proprio per rispondere a questa richiesta Unicusano ha attivato un corso di laurea in ingegneria industriale a Milano, una laurea breve indirizzata a quei ragazzi che vogliono costruirsi un futuro lavorativo puntando su un ramo, quello dell’ingegneria applicata ai processi industriali (e non solo), che come detto non conosce crisi.

Tale corso di laurea triennale è funzionale peraltro ad inserirsi all’interno di percorsi di studio quinquennali su doppio ciclo, o da completare all’interno di Unicusano o in altre università italiane.

Chi decidesse di intraprendere la prima opzione, ovvero di chiudere tutto il percorso di studi all’interno di Unicusano, ha la possibilità di scegliere se completare il doppio ciclo con una laurea magistrale in Ingegneria Elettronica o Ingegneria Meccanica.

La scelta della laurea magistrale può essere a sua volta influenzata dal tipo di “curriculum” scelto all’interno del corso di laurea in ingegneria industriale di Unicusano.

Chi frequenta questo corso può infatti scegliere tra 5 diversi indirizzi: biomedico, elettronico, gestionale, agro-industriale e biomedico. In base all’indirizzo scelto ci sono degli esami specifici che cambiano all’interno del piano di studi; alcuni di essi sono definiti dal piano stesso, altri possono invece essere scelti liberamente dallo studente in base alle proprie attitudini e necessità formative.

Per tutti e cinque i curricula è previsto un tirocinio come una sorta di “ultimo esame” da superare al terzo anno e la preparazione di una tesi di laurea in forma scritta da elaborare con il supporto e la supervisione di un docente del corso.