informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare ricercatore in psicologia: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare ricercatore in psicologia: studi e possibilità Studiare a Milano

Se il tuo sogno è intraprendere la carriera accademica, per diventare professore, ti suggeriemo di leggere attentamente questo post, attraverso il quale ti spiegheremo come diventare ricercatore in psicologia.

Attraverso la ricerca è possibile approfondire e applicare praticamente gli argomenti e le discipline studiate durante il percorso universitario ad indirizzo psicologico; ecco perché il campo della ricerca si presenta così affascinante e ricco di stimoli agli occhi di un neo-laureato. 

Chi è e cosa fa un ricercatore universitario

Prima di analizzare il percorso di formazione e l’iter concorsuale necessari per diventare ricercatore universitario, cerchiamo di familiarizzare con la figura professionale e le relative mansioni. Cerchiamo quindi di capire cosa fa in concreto un ricercatore, di cosa si occupa operativamente e quanto può guadagnare.

Partiamo dalla generica definizione di ricercatore fornita da Wikipedia:

“Con il termine ricercatore si indica genericamente un lavoratore che svolge attività di ricerca scientifica e/o tecnologica in maniera autonoma oppure alle dipendenze di enti pubblici o privati di ricerca, attraverso la pubblicazione su riviste specializzate di pubblicazioni scientifiche, sottoposte a regolare revisione paritaria, contenenti i risultati della ricerca stessa.”

In Italia, il ruolo è stato istituito a livello normativo nel 1980, attraverso il decreto n.382.

Successivamente, e più precisamente nel 2005, la Legge n. 230 metteva in esaurimento il ruolo del ricercatore a tempo indeterminato, istituendo formalmente una nuova figura: il ricercatore a tempo determinato.

A seconda del tipo di contratto si distinguono due profili:

  • RTDA (acronimo di Ricercatore Tempo Determinato A): ha un contratto della durata triennale che alla scadenza può essere rinnovato di ulteriori due anni.
  • RTDB (acronimo di Ricercatore Tempo Determinato B): ha un contratto triennale non rinnovabile.

Il ricercatore A per rimanere in ambito universitario deve superare un ulteriore concorso, attraverso il quale è possibile diventare ricercatore B.
Il ricercatore tipo B invece ha la possibilità di passare di ruolo senza dover superare alcun concorso; può pertanto diventare professore associato purché abbia ottenuto l’abilitazione scientifica nazionale e la conferma da parte dell’ateneo

Il profilo che si occupa di ricerca analizza i fenomeni che afferiscono ad un determinato campo disciplinare al fine di interpretarli e sviluppare nuove conoscenze.
I risultati della sua attività vengono poi utilizzati per creare nuove teorie, metodologie e processi.

La ricerca viene detta ‘di base’ (o fondamentale) quando è orientata ad ottenere risultati che non hanno un’applicazione pratica immediata.
La ricerca viene invece detta ‘applicata’ quando è finalizzata a trovare soluzioni specifiche; essa si basa su conoscenze e teorie già esistenti.

Come diventare ricercatore psicologo?

Entriamo nel cuore del nostro post per analizzare il percorso formativo e concorsuale previsto dalla normativa vigente per diventare ricercatore universitario; cerchiamo quindi di capire in concreto come diventare ricercatore in psicologia.

Il requisito essenziale è il conseguimento di una laurea magistrale.
Nel caso specifico il biennio in psicologia garantisce le basi ideali per la professione.

Successivamente, sia per il ricercatore di tipo A che per il ricercatore di tipo B, è previsto un periodo di dottorato della durata di tre anni.
Durante tale periodo l’aspirante ricercatore si avvicina operativamente al mondo della ricerca e alle relative dinamiche.

Il titolo di dottore di ricerca è necessario per poter partecipare al concorso che consente di accedere alla carriera accademica.

I bandi sono gestiti direttamente dai singoli atenei, i quali senza alcuna regola temporale decidono sulla base delle peculiari esigenze quando aprire le selezioni concorsuali.
La pubblicazione del bando di concorso, con le relative modalità di partecipazione, avviene solitamente sul sito istituzionale dell’università.

Il candidato non è legato all’università presso la quale si è laureato.
La scelta è libera per cui può partecipare alle selezioni di qualsiasi ateneo purché l’ambito della ricerca oggetto del concorso sia correlato al proprio indirizzo di studi.

La fase concorsuale prevede tre prove, delle quali due svolte in forma scritta e una in forma orale.

La prima prova scritta verte su materie relative al percorso di studi affrontato dal candidato.
La seconda prova è incentrata sulla materia scelta.
La prova orale prevede un colloquio incentrato sulle ricerche svolte dal candidato fino a quel momento.

Per ottenere un buon punteggio e avviare una carriera di successo come ricercatore in ambito universitario è fondamentale aver maturato un buon livello di esperienza, ovvero un curriculum che includa la gestione di progetti di ricerca e pubblicazioni scientifiche su riviste specializzate.

La retribuzione

Completiamo la panoramica relativa alla figura del ricercatore universitario in psicologia con un dato che riguarda l’aspetto economico.

Lo stipendio medio si aggira intorno ai 1.600 euro mensili.
Si parte quindi da un minimo di 1.400 euro al mese per arrivare ad un massimo di 1.900 euro.

La retribuzione varia in base all’anzianità, ovvero al livello di esperienza.
Un entry level, con meno di tre anni di esperienza, può arrivare a guadagnare 1.500 euro netti mensili; un profilo con un esperienza ventennale all’attivo può arrivare a cifre che sfiorano i 1.900 euro netti al mese.

Credits: tashatuvango/Depositphotos.com

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali