informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il metodo agile e quando applicarlo

Commenti disabilitati su Cos’è il metodo agile e quando applicarlo Studiare a Milano

Il progresso tecnologico, l’innovazione digitale, i cambiamenti che riguardano la società e le relative esigenze richiedono continue modifiche operative da parte di tutte le realtà commerciali che operano sul mercato.

Tra gli approcci attualmente più efficaci, utilizzati dalle aziende per essere competitive e per assecondare tempestivamente le evoluzioni della domanda, è d’obbligo citare il metodo agile, o business agility o agility organizzativa.

In questo post cercheremo di capire di cosa si tratta e quali sono i vantaggi per i quali oggi, sempre più frequentemente, viene utilizzato nell’ambito del project management.

Metodo agile: le origini

L’espressione ‘metodologia agile’ nasce ufficialmente nel 2001 nell’ambito dell’IT per identificare un particolare metodo di gestione dei progetti afferenti lo sviluppo dei software.

Col passare degli anni il progresso e i cambiamenti che si sono susseguiti nel campo dell’Information Technology hanno portato ad una progressiva evoluzione della metodologia, che oggi rappresenta il punto di riferimento per tutti i progetti che riguardano la trasformazione digitale.

C’è da dire che, nonostante il Manifesto Agile sia datato 2001, i principi della modalità operativa erano già utilizzati in precedenza da diverse realtà economiche.

Per arrivare a comprendere fino in fondo il funzionamento e le potenzialità del metodo è necessario partire dalle esigenze che hanno portato alla nascita e allo sviluppo dell’innovativo processo operativo.

Dal punto di vista temporale la nascita dell’Agile si colloca negli anni in cui il web inizia ad assumere un ruolo fondamentale nell’ambito delle strategie aziendali.
Le infinite potenzialità della Rete internet erano ormai chiare a tutti ma nessuno sapeva ancora come sfruttarle al meglio per renderle produttive.

La modalità operativa tradizionale, definita ‘waterfall’ iniziava a risultare anacronistica e a mostrare una serie di limiti.
Il funzionamento era impostato su un susseguirsi di attività standard e sequenziali: si partiva dalla definizione dei dettagli del prodotto per poi passare alla stima dei costi e delle tempistiche.
Dopo aver stipulato l’accordo con il cliente si procedeva con lo sviluppo concreto del progetto, per il quale era previsto un coinvolgimento piuttosto limitato dell’utente.

Il processo appena descritto comportava la realizzazione di prodotti che, per quanto rispondessero ai requisiti fissati in fase iniziale, spesso risultavano poco attuali a causa delle tempistiche produttive piuttosto lunghe.

La modalità operativa ‘waterfall’ era piuttosto rigida in quanto prevedeva la possibilità di valutare eventuali modifiche soltanto al termine del progetto, per cui non riusciva ad allinearsi, se non con notevole ritardo, alle repentine e continue evoluzioni del settore.

È piuttosto evidente che una simile gestione dei progetti risultava efficace soltanto nei casi in cui si operava in contesti statici, nei quali l’innovazione era piuttosto contenuta.

Ecco quindi che nasce l’esigenza di una metodologia più flessibile e dinamica, in grado di allinearsi tempestivamente ai cambiamenti; esigenza che viene compresa e assecondata da un team di progettisti e guru informatici il 13 aprile del 2001.

Il gruppo di esperti, dopo giorni di discussione, definisce i 4 principi fondamentali del Manifesto Agile, che considera importanti:

  1. Gli individui e le interazioni più che i processi e gli strumenti
  2. Il software funzionante più che la documentazione esaustiva
  3. La collaborazione col cliente più che la negoziazione dei contratti
  4. Rispondere al cambiamento più che seguire un piano

Il team di professionisti conclude l’elenco dei 4 punti con una precisazione, che riportiamo di seguito:

“ovvero, fermo restando il valore delle voci a destra, consideriamo più importanti le voci a sinistra.”

Sulla base di un’efficacia comprovata la metodologia è stata adottata in numerose realtà operative; i principi, declinati in maniera differente a seconda del campo di applicazione, sono attualmente utilizzati nell’ambito del project management in generale, e non soltanto il quello che fa riferimento al mondo dell’informatica.

Dopo aver fornito una breve panoramica storica relativa alla nascita dell’Agility cerchiamo di capire ora come funziona e quali sono i vantaggi.

Metodologia agile: cos’è e come funziona

Volendo partire da una definizione generica potremmo dire che: il metodo agile consiste in una gestione innovativa dei progetti impostata su cicli di sviluppo brevi (sprint) e interattivi tesi a migliorare continuamente il prodotto già in fase di realizzazione.

Si tratta quindi di un insieme di strategie e strumenti finalizzati a rispondere in maniera tempestiva ai cambiamenti e in generale a qualunque tipologia di aspetto non pianificato.
Il requisito principale intorno al quale ruotano tecniche e approcci agili è quindi la flessibilità.

Il processo agile tende al miglioramento del prodotto e delle relative prestazioni; un miglioramento che viene avviato già durante le fasi di sviluppo, sulla base delle esigenze del cliente.
Risulta quindi particolarmente utile ed efficace quando in fase di avvio della produzione si dispongono di poche informazioni, per cui non è possibile effettuare stime e pianificazioni.

Dal punto di vista dei vantaggi la metodologia agile consente di individuare e correggere eventuali difetti del prodotto durante la fase di sviluppo; consente di apportare modifiche in corso d’opera e di velocizzare la fase di produzione. In sintesi, permette di realizzare un prodotto finale di qualità.

La continua interazione col cliente, coinvolto in tutte le fasi produttive, consente inoltre di realizzare prodotti in perfetta linea con le sue aspettative e necessità.

metodologia agile

La specializzazione per lavorare nel Project Management

La conoscenza e la padronanza del metodo agile sono requisiti fondamentali per chi ricopre il ruolo di project manager, una figura sempre più ricercata sul mercato e sempre più fondamentale nell’ambito della gestione dei progetti di un’azienda.

La formazione ideale di un professionista parte da una laurea, preferibilmente ad indirizzo economico o ingegneristico, e prosegue con un master di specializzazione.

Tra le proposte relative ai corsi post-laurea presenti sul mercato formativo italiano segnaliamo il master in ‘Project Management’ attivato dall’università telematica Niccolò Cusano.

Si tratta di un percorso post-laurea di primo livello che oltre ad una preparazione attuale e completa nell’ambito della gestione dei progetti intende sviluppare nei corsisti qualità imprescindibili per un professionista quali la leadership, la capacità di intuzione e spiccate doti relazionali.

Il master è pensato principalmente per la specializzazione professionale dei laureati in economia e ingegneria, ma in generale si rivolge a tutti quelli che ambiscono a ricoprire il ruolo di responsabile della gestione dei progetti.

Il percorso di studi mira a formare profili completi dal punto di vista professionale, in grado quindi di occuparsi di un progetto a 360°, per cui sia da un punto di vista strettamente operativo che economico.

Il programma include una serie di approfondimenti sui principali strumenti e tecniche da utilizzare nell’ambito del project management.
Ecco nel dettaglio gli argomenti trattati:

  • Principi di Project Management
  • Fondamenti di organizzazione aziendale
  • I principali standard internazionali
  • Il ciclo di vita di un progetto
  • Lo “scope” del progetto
  • La gestione efficiente del tempo
  • La gestione dei costi di progetto
  • Contabilità di progetto
  • Leadership e gestione del team
  • Stakeholder management
  • Comunicazioni efficaci
  • Project Risk Management
  • Stakeholder management
  • Comunicazioni efficaci
  • Project Risk Management
  • Procurement
  • Project Financing
  • Realizzazione di un progetto di qualità

Gli approfondimenti previsti dal programma di studi forniscono la base formativa richiesta per l’abilitazione alla certificazione PMP (Project Management Professional) del Project Management Institute.

Il master ha un costo di 3.200,00 euro da corrispondere in 4 rate.
Per i laureati in Economia e Ingegneria presso l’Unicusano è prevista una quota di iscrizione ridotta pari a 2.700,00 euro.

Per ricevere ulteriori info e dettagli sul master online Unicusano non esitare a contattare il nostro staff attraverso il modulo che trovi cliccando qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali