informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le leggi che hanno cambiato la vita delle donne in Italia

Commenti disabilitati su Le leggi che hanno cambiato la vita delle donne in Italia Studiare a Milano

Le leggi cha hanno cambiato la vita delle donne in Italia sono frutto di anni di lotte femministe, condotte con fatica e sacrificio per eliminare le discriminazioni di genere.

La disuguaglianza tra uomini e donne deriva da uno stereotipo antichissimo.
Basti pensare che nell’Antica Roma la donna non godeva di alcun diritto; essa doveva occuparsi della casa e accudire i figli, mentre l’uomo godeva addirittura del diritto di vita o di morte su tutti i componenti della famiglia.

Dalla differenza di natura esistente tra uomo e donna si è originata l’idea che per secoli ha giustificato una diversità di trattamento; un’idea di diversità istituzionalizzata e disciplinata addirittura a livello legislativo.

Piccole grandi conquiste sono state fatte, anche se la strada è ancora lunga, e tanti sono i traguardi ancora da raggiungere.

Le leggi che hanno cambiato la vita delle donne

Partendo dal presupposto che la parità di genere è ancora lontana dall’essere pienamente raggiunta analizziamo i progressi fatti fino ad oggi, ovvero le leggi che hanno migliorato la condizione della donna assottigliando sempre di più la disparità con gli uomini, sia in ambito lavorativo che sociale e familiare.

Di seguito l’università telematica Niccolò Cusano di Milano ha realizzato un percorso cronologico che attraversa le principali tappe relative alla normativa italiana a favore delle donne.

1945 – Diritto di voto attivo e passivo

Il primo grande, importante passo avanti in ambito politico risale al 1945, anno in cui alle donne maggiorenni (21 anni) viene riconosciuto il diritto di voto.

Successivamente, e più precisamente il 10 marzo del 1946, il decreto numero 74 prevede per le donne anche la possibilità di essere elette.

1963 – Accesso agli impieghi pubblici

Un’altra importante conquista per ciò che concerne la parità di genere avviene nel 1963, anno in cui il parlamento italiano ammette le donne ai pubblici uffici e alle professioni.
La legge n.66 con soli due articoli permette alle donne di accedere a tutte le cariche professioni ed impieghi pubblici, compresa la magistratura, senza limitazioni per ciò che riguarda le mansioni e la carriera.

1970 – Divorzio

Il 1 dicembre del 1970 la legge n. 898 introduce il divorzio nella legislazione italiana.

Viene quindi ufficialmente e legalmente concesso lo scioglimento del matrimonio, nonostante le opposizioni di alcuni movimenti politici.
Nel 1974 il referendum abrogativo affermò definitivamente la volontà della popolazione di mantenere in vigore la legge sul divorzio.

1975 – Riforma del diritto di famiglia

Nel 1975 viene stabilita la parità dei coniugi con l’obiettivo di rendere marito e moglie uguali di fronte alla legge.

La potestà del marito viene abolita a favore di una responsabilità condivisa tra i coniugi.
In riferimento all’aspetto patrimoniale della familglia vengono introdotte la comunione e la separazione dei beni.

Viene inoltre rivista la separazione, nell’ambito della quale il tradimento del marito è inserito tra le cause legittime di separazione.

1978 – Aborto

Tutt’oggi fortemente dibattuta, la lgge n. 194 ‘Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza’ elimina il reato di aborto.

L’IVG (Interruzione Volontaria di Gravidanza) viene così legalizzata e regolamentata, con l’obiettivo di combattere tutte le pratiche clandestine e pericolose di aborto.

1981 – Abolizione del delitto d’onore e del matrimonio riparatore

In passato un delitto commesso per onore prevedeva pene ridotte.
Uccidere qualcuno per salvaguardare la propria reputazione era considerato un motivo valido per ottenere uno sconto della pena.

Chiaramente anche chi commetteva un delitto in ambito familiare, per tradimenti e questioni di onore di vario genere, aveva la possibilità di beneficiare della riduzione della pena.

Nel 1981, una sola legge aboliva il delitto d’onore, il matrimonio riparatore e l’abbandono di un neonato per causa d’onore.

2010 – Parità sul lavoro

Uno degli ambiti in cui si è maggioromente palesata la differenza tra uomo e donna è quello professionale.

La parità sul lavoro è ancora lontana dall’essere pienamente raggiunta, anche se notevoli passi in avanti sono stati fatti.

Nel 2010, quindi appena un decennio fa, il decreto legislativo n. 5 condanna comportamenti discriminatori nei confronti della donna.

Il datore di lavoro è passibile di ammenda nei casi di discriminazioni che riguardano l’aspetto retributivo o per qualsiasi altra disparità di trattamento.

2011 – Quote rosa nei consigli di amministrazione

Rimanendo in ambito lavorativo la legge sulle ‘quote rosa’ segna una conquista importante per le donne.

Nel 2011 la legge 120 impone alle società quotate un equilibrio tra i generi per ciò che concerne gli amministratori da eleggere.
L’equilibrio in questione può essere considerato ‘raggiunto’ quando il genere meno rappresentato all’interno dell’organo amministrativo abbia almeno un terzo degli amministatori eletti.

2009 – Stalking

Tra le leggi che hanno cambiato la vita delle donne quella che riguarda lo stalking segna un traguardo importante nell’ambito del rispetto e della tutela dell’incolumità.

Con la legge 38 inserita nel Codice Penale il comportamento molesto, ossessivo e persecutorio nei confronti di una donna diventa reato.

2013 – Violenza sulle donne

Sulla scia della legge sullo stalking nel 2013 viene finalmente approvato il decreto legge contro il femminicidio e la violenza sulle donne, convertito in legge nello stesso anno.

Si tratta di una normativa che oltre ad insaprire la pena per il reato di femminicidio prevede una serie di misure finalizzate alla prevenzione per ciò che concerne la violenza domestica e la tutela delle donne.

Credits immagine: DepositPhoto.com/innovatedcaptures

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali