informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Film sui marines: i più belli da vedere

Commenti disabilitati su Film sui marines: i più belli da vedere Studiare a Milano

I war movie rappresentano da sempre lo strumento più efficace per raccontare la realtà dei conflitti che hanno segnato la storia del mondo intero; tra le sottocategorie preferite dai registi e dal pubblico i film sui marines.

Fondato ufficialmente nel 1798, il Corpo dei Marines affonda le sue origini nel periodo della Guerra d’Indipendenza Americana, e più precisamente nel Congresso del 1775 che decise la formazione di un corpo di fanti di Marina preposto alla difesa delle navi americane dagli attacchi di imbarcazioni inglesi e corsare.

Nato come corpo autonomo è diventato una delle forze armate più famose al mondo, specializzata prevalentemente nelle operazioni anfibie e nelle incursioni rapide.

Oggi, oltre ad essere il punto di forza e di orgoglio dell’apparato militare degli Stati Uniti, è considerato uno dei simboli nazionali.

Essendosi distinti sul fronte del Pacifico, i marines hanno ispirato gran parte della filmografia sulla Seconda Guerra Mondiale. Il cinema, nel corso degli anni post-bellici, ne ha immortalato le gesta mettendo in risalto le capacità tecniche, la versatilità e l’efficienza dell’addestramento a cui sono sottoposti per diventare uomini eroici e valorosi; il tutto con un’attenzione particolare all’aspetto umano di chi affronta le atrocità della guerra e allo stesso tempo, volente o nolente, diventa protagonista di quelle stesse atrocità.

Per gli appassionati del genere e per gli studenti che hanno l’esigenza di approfondire le dinamiche dei conflitti che hanno stravolto e sconvolto il mondo l’Università Telematica Niccolò Cusano di Milano ha raccolto in questo post alcuni dei migliori film sui marines.

1 – Flags of our Fathers

Anno di produzione: 2006
Regia di Clint Eastwood
Con: Ryan Phillippe, Jesse Bradford, Adam Beach, Barry Pepper, John Benjamin Hickey

Sei soldati dell’esercito americano che issano la bandiera a stelle e strisce sul monte Suribachi: è una delle immagini iconiche della Seconda Guerra Mondiale.
La fotografia è stata scattata il 23 febbraio del 1945 da un fotografo di Associated Press, Joe Rosenthal, che quello stesso giorno si trovava sull’isola di Iwo Jima, in Giappone.

Da quell’immagine e dall’omonimo best seller di James Bradley trae spunto la pellicola firmata da Clint Eastwood, diventata famosa per la veridicità con la quale narra e rappresenta i fatti.

Il film parte da una ricostruzione cruenta e drammatica della sanguinosa battaglia di Iwo Jima, durata più di un mese e costata migliaia di vite umane, combattuta tra americani e giapponesi per la conquista dell’isola.

Attraverso un complesso meccanismo di salti temporali nel passato il regista mette in evidenza l’abilità del Governo americano nel trasformare uno scatto fotografico, quasi casuale, in un vero e proprio simbolo di speranza. Si tratterebbe di un espediente per fornire una motivazione ai propri cittadini nel confronti del sacrificio bellico; motivazione dalla quale ricavare, probabilmente, un ritorno economico/politico.

film di guerra

2 – Full Metal Jacket

Anno di produzione: 1987
Regia di Stanley Kubrick
Con: Matthew Modine, Adam Baldwin, Vincent D’Onofrio, Kevyn Major Howard, John Terry

Tra i film di guerra che meritano di essere visti per approfondire gli eventi che hanno modificato la storia, e che sono diventati essi stessi pezzi di storia, segnaliamo Full Metal Jacket.

Tratta dal romanzo semi-autobiografico del marines Gustav Hasford, la pellicola è uno dei capolavori firmati da Stanley Kubrick, uno dei più grandi registi del Novecento.

La trama si sviluppa intorno alla guerra del Vietnam, combattuta tra il 1955 e il 1975.
In particolare il film racconta il duro addestramento, che a tratti diventa un vero e proprio lavaggio del cervello, a cui erano sottoposte le reclute con l’obiettivo di essere trasformate in macchine da guerra, o più realisticamente in macchine di morte.

Il regista si focalizza sulla distruzione psicologica a cui erano sottoposti i marines: in una prima fase costretti a subire metodi brutali di addestramento e successivamente obbligati a confrontarsi con gli orrori del conflitto mettendo in pratica la brutalità appresa contro il ‘nemico’.

Attraverso il realismo della scenografia il film intende denunciare l’aspetto più crudo, folle e spietato della mente umana.

3 – La sottile linea rossa

Data di produzione: 1998
Regia di Terrence Malick
Con: Sean Penn, Jim Caviezel, Nick Nolte, Elias Koteas, Ben Chaplin, Adrien Brody

Continuiamo il nostro elenco di film sui marines da vedere con un cult del genere: La sottile linea rossa.

Ispirata al romanzo di James Jonas la pellicola racconta di un plotone di marines impegnato in una delle battaglie più cruente del fronte Pacifico, sull’isola di Guadalcanal.

Siamo nel 1942: un gruppo di soldati americani sbarca sull’isola con l’obiettivo di sottrarre il presidio ai giapponesi.
Lo sbarco avviene senza ostacoli; l’esercito nipponico si è ritirato in cima alla collina.

L’impresa viene condotta con successo dai marines ma il prezzo pagato in termini di vite umane è altissimo.

Oltre che sull’aspetto puramente bellico il regista concentra lo sviluppo della pellicola sul pensiero e sui discorsi fatti dai soldati, tra una battaglia e l’altra, su temi quali l’amore, il destino, il bene e il male.

4 – Salvate il soldato Ryan

Anno di produzione: 1998
Regia di Steven Spielberg
Con: Tom Hanks, Tom Sizemore, Edward Burns, Matt Damon, Barry Popper, Adam Goldberg

Tra i film sulla Seconda Guerra Mondiale più visti e apprezzati figura senza alcun dubbio ‘Salvate il soldato Ryan’, opera magistrale di Steven Spielberg.

Da un punto di vista temporale la trama si sviluppa durante i giorni dello sbarco in Normandia, una delle operazioni militari più complesse del conflitto finalizzata a liberare l’Europa continentale dal controllo nazista.

Tutto parte da una tragica notizia data ad una madre americana: tre dei suoi quattro figli, attivi su diversi fronti della guerra, hanno perso la vita.

Il capitano Miller, incaricato di rintracciare il quarto figlio, unico superstite, e di riportarlo alla madre, sbarca con un gruppo di marines scelti sulla spiaggia di Omaha.
Da lì parte in missione.
Al di là delle dinamiche belliche l’impresa si presenta piuttosto ardua, soprattutto quando i soldati iniziano a domandarsi il motivo per il quale otto persone devono rischiare la vita per tentare di salvarne soltanto una.
Mantenere il gruppo compatto e motivato diventa per il capitano un’impresa nell’impresa.

L’obiettivo della missione viene finalmente raggiunto: il soldato viene identificato ma, per lealtà nei confronti dei compagni, si rifiuta di ritornare a casa.

Tra le scene epiche e più toccanti del film lo sbarco dei marines sulla spiaggia, reale al punto che lo spettatore ha la percezione di partecipare attivamente a quel particolare momento.

5 – Gunny

Anno di produzione: 1986
Regia di Clint Eastwood
Con: Clint Eastwood, Marsha Mason, Everett McGill, Moses Gunm, Eileen Heckart

Concludiamo il nostro post con ‘Gunny’, un film che parla di un sergente dei Marines alla fine della sua ‘gloriosa’ carriera militare.

Il protagonista della pellicola è Highway, soprannominato Gunny, con all’attivo un bilancio di vita costellato da tante medaglie, ma anche da innumerevoli sacrifici e rinunce.

Siamo nel 1983; dopo aver combattuto in Corea e in Vietnam al sergente viene affidato il comando di un plotone di marines per portare a termine un’ultima impresa bellica: la conquista dell’isola di Grenada.

Il gruppo di marines è in realtà un manipolo di scansafatiche, composto essenzialmente dagli individui più scomodi per il maggiore Powers.

Per quanto apparentemente impossibile Gunny riesce nell’impresa di trasformare il branco di sfaticati in un plotone di uomini valorosi.

La soddisfazione sarà l’ultima prima di ritirarsi definitivamente dalla vita militare e di dedicarsi, insieme alla ex moglie ritrovata, alla coltivazione di avocado.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali