informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 donne nell’arte che hanno cambiato la storia

Commenti disabilitati su Le 5 donne nell’arte che hanno cambiato la storia Studiare a Milano

La presenza delle donne nell’arte è il risultato di una lotta atavica alla disparità e alla differenza di genere.

Quella che comunemente viene definita ‘arte femminista’ rappresenta il cambiamento messo in atto dalle artiste per abbattere stereotipi e pregiudizi, e per perseguire l’ideale di uguaglianza tra i generi.

Seguendo la propria vocazione, personaggi come Artemisia Gentileschi e Frida Kahlo hanno riscritto la storia, aprendo la strada ad una nuova ideologia: le donne nell’arte non sono soltanto muse e modelle, ma possono ricoprire anche il ruolo di artiste.

Donne artiste: 5 personaggi da ricordare

Fin dall’antichità nel mondo dell’arte la donna era semplicemente soggetto di ispirazione per gli artisti uomini.

Anche se in realtà le testimonianze rivelano che fin dall’Antica Grecia esistevano pittrici donne, il loro contributo al mondo dell’arte rimane marginale e non riconosciuto fino al XVI secolo.

È soltanto dopo il periodo del Rinascimento che le figure femminili iniziano ad emergere.

Per avvicinarci ai giorni nostri, il binomio arte-donna si rafforza verso la fine degli anni ‘60, in un’epoca che inneggia al cambiamento e che vede particolarmente attivi i movimenti per i diritti civili.
Si afferma nello stesso periodo quella che viene definita come ‘arte femminista’.

Approfittando del particolare momento di fermento, di insoddisfazione generale, le prime artiste cercarono di imporsi sulla scena con le proprie opere; con l’obiettivo di riscrivere la storia e di eliminare gli stereotipi sulla differenza di genere si fecero spazio in quel mondo riservato quasi esclusivamente agli uomini.

Per comprendere meglio, la finalità del movimento era quello di utilizzare l’arte per fornire allo spettatore un punto di vista differente sulla società; un punto di vista femminile che mirava ad eliminare le disuguaglianze di genere.

L’università telematica Niccolò Cusano di Milano ha selezionato 5 artiste che hanno sfidato ogni pregiudizio e si sono imposte come pittrici talentuose in epoche ostili alla parità tra uomo e donna.

1 – Artemisia Gentileschi

Apriamo il nostro elenco con Artemisia Gentileschi, la pittrice vissuta durante la prima metà del XVII secolo che viene ricordata per essere stata la prima donna ad accedere all’Accademia di Arte del Disegno di Firenze.

Figlia del noto pittore Orazio Gentileschi, l’artista eredita dal padre il rigore artistico che mescola sapientemente ad una drammaticità che è invece ripresa dalle opere di Caravaggio.

Lo stupro subito da un amico del padre e il successivo processo sono gli eventi attraverso i quali Artemisia si è resa l’icona della lotta alla violenza sulle donne.

La vicende personali influenzano in maniera piuttosto evidente la sua carriera artistica; dalle sue opere emerge una forza espressiva carica di rabbia e risentimento.

I rapporti con personaggi influenti del tempo, tra i quali Cosimo II de’ Medici e Galileo Galilei, e il suo talento come artista la condussero al raggiungimento di importanti traguardi, artistici non.

2 – Mary Beale

Considerata tra le ritrattiste di maggior successo dell’epoca barocca, Mary Beale merita senza dubbio di essere inserita nel nostro elenco.

Nata in Inghilterra nel 1633 è stata la prima donna ad aver scritto un trattato sulla pittura.

La sua carriera artistica si forma in parte grazie al padre, pittore dilettante che permette alla figlia di conoscere numerosi artisti locali.

A 18 anni si sposa con un mercante appassionato di pittura, il quale offre alla giovane donna la possibilità di perseguire la sua passione per l’arte lavorando a Londra.

Nelle sue tele la pittrice si concentra in maniera particolare sulle espressioni, facendo emergere un realismo che fa della semplicità il suo punto di forza.

3 – Élisabeth Vigée Le Brun

Continuiamo con un’altra pittrice famosa, considerata una delle più grandi ritrattiste del XVIII secolo: stiamo parlando di Élisabeth Vigée Le Brun, tra le poche fortunate donne ad essere mmessa all’Accademia Reale di Pittura e Scultura.

La pittura le permette di frequentare dame e nobildonne, grazie alle quali viene introdotta alla corte di Maria Antonietta, moglie del Re di Francia.

Oltre ad essere un’artista talentuosa Élisabeth era anche una donna molto avvenente.
La sua bellezza attirò la malignità di tante persone; molte la accusarono di condurre una vita dissoluta, all’insegna di relazioni adulterine. Alcuni addirittura non ritenevano possibile che potesse essere in grado di realizzare opere così piene di talento.

4 – Berthe Morisot

Restiamo in Francia per approfondire la personalità artistica di una delle più interessanti pittrici impressioniste dell’Ottocento: Berthe Morisot.

Pronipote di Fragonard, pittore protagonista del rococò francese, e cognata di Edouard Manet, di cui fu musa, l’artista emblema dell’impressionismo ha dovuto lottare contro i pregiudizi del tempo prima di potersi affermare come pittrice.

La difficoltà a dipingere all’aperto, causata dall’opinione di chi riteneva disdicevole il binomio donna-arte, l’hanno portata a dipingere soprattutto scene domestiche di vita quotidiana, ovvero donne eleganti appartenenti alla media e alta borghesia ritratte all’interno di abitazioni o giardini.

Caratteristica costante delle sue opere è l’attenzione ai dettagli (abiti, acconciature e accessori), esaltata da colori chiari, vivaci e luminosi, tra i quali emerge una particolare predilezione per il bianco.

5 – Frida Kahlo

Tra le artiste donne che si sono maggiormente distinte per la tenacia con cui hanno combattuto difficoltà e pregiudizi è d’obbligo citare Frida Kahlo.

Nata in Messico nel 1907 la pittrice rappresenta un grande esempio forza, per la capacità con la quale è riuscita a trasformare la sua disabilità in arte.

La sua vita breve, segnata da malattie e incidenti, hanno fornito all’artista più anticonformista del suo tempo lo spunto per la creazione di grandi capolavori.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali