informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è la dipendenza da internet e come riconoscerla

Commenti disabilitati su Che cos’è la dipendenza da internet e come riconoscerla Studiare a Milano

Tra le varie e numerose manifestazioni di dipendenza emerge una nuova forma di addiction, fortemente legata all’era del digitale e del web 2.0: la dipendenza da internet.

La problematica si palesa in maniera allarmante soprattutto tra i più giovani, provocando una serie di ripercussioni sulla vita sociale, scolastica e familiare.
La dipendenza da chat, da social e più in generale da smartphone crea vere e proprie disfunzioni nelle sfere relazionale e affettiva.

Scienze mediche, psicologiche, pedagogiche e sociali sono ormai da qualche anno focalizzate sullo studio del fenomeno, sull’analisi dei modelli comportamentali e sull’individuazione degli approcci più idonei ed efficaci per arginare, e possibilmente prevenire, il dilagare del processo di addiction nella società odierna.

Dipendenza da smartphone, chat e social media: analisi del fenomeno

Per introdurre l’argomento è necessario partire dal concetto generico di dipendenza; ecco di seguito la definizione ripreso dal sito di Wikipedia:

“Per dipendenza si intende un’alterazione del comportamento che da semplice o comune abitudine diventa una ricerca esagerata e patologica del piacere attraverso mezzi o sostanze o comportamenti che sfociano nella condizione patologica. L’individuo dipendente tende a perdere la capacità di un controllo sull’abitudine”

La dipendenza da internet identifica invece l’abuso della rete telematica per il quale, nel 1995, lo psichiatra americano Ivan Goldeberg ha coniato l’espressione ‘Internet Addiction Disorder’ (I.A.D.).

Il disturbo viene identificato come tale quando un individuo tende a spendere la maggior parte del tempo e delle energie nell’utilizzo della rete, arrivando a danneggiare non soltanto lo stile di vita e le relazioni interpersonali, ma addirittura la salute fisica e quella mentale.

La dipendenza si manifesta attraverso una serie di comportamenti, caratterizzati essenzialmente da un rapporto ossessivo tra l’uomo e la rete internet, che nei casi peggiori può anche diventare patologico.

Nei casi più acuti la patologia può provocare veri e propri sintomi di astinenza (agitazione fisica e ansia) dovuti all’interruzione o alla drastica diminuzione dell’utilizzo della rete.

Le cause

Individuare le cause che hanno portato al dilagare di tale dipendenza non è poi così difficile.

Lo sviluppo di Internet e delle tecnologie che ne fanno ampiamente uso ha radicalmente cambiato le abitudini della società.
L’innegabile utilità dei dispositivi mobile, quali smartphone e tablet, il supporto offerto dalle app nello svolgimento di alcune semplici operazioni e di molte attività quotidiane, la diffusione dei social e la tendenza a condividere pensieri, opinioni, esperienze ed emozioni hanno portato l’essere umano che vive nell’era del digitale a diventare ‘schiavo’ della rete.

A tutto ciò bisogna aggiungere i ritmi sempre più frenetici che la società attuale è costretta a sopportare per far fronte ai numerosi impegni quotidiani; ritmi che la tecnologia e la connessione a internet rendono più sopportabili ma che inevitabilmente vanno a discapito delle relazioni umane.
Quindi, se da un lato la connessione alla rete ha portato una serie di benefici di natura pratica, dall’altro ha provocato una serie di problematiche afferenti alla sfera psicofisica dell’essere umano.

I sintomi

La dipendenza da internet si palesa sotto forma di numerosi di sintomi facilmente riconoscibili, che variano a seconda dell’individuo e dell’intensità del fenomeno.

Lo stesso Goldberg ha individuato i segnali più comuni che indicano l’Internet Addiction Disorder.
Tra i più frequenti figurano l’esigenza di connettersi continuamente ad internet per provare soddisfazione, dalla quale deriva uno scarso interesse verso tutto ciò che non preveda l’utilizzo della rete.

Generalmente l’interruzione o la riduzione dell’abuso provoca nella la persona dipendente stati di agitazione e ansia, prevalentemente legati al desiderio ossessivo di sapere cosa accade in rete.

L’esigenza di utilizzare continuamente il web è talmente intensa che l’utente persiste nell’abuso, pur rendendosi conto delle problematiche psico-fisiche (difficoltà ad addormentarsi), familiari (problemi coniugali) e lavorativi (calo del rendimento) che comporta.

La dipendenza dalla rete causa una serie di conseguenze, tra le quali:

  • La drastica diminuzione, o nel peggiore dei casi la totale assenza, delle relazioni interpersonali
  • Confusione tra mondo reale e mondo virtuale
  • Scarso interesse verso le altre forme di intrattenimento
  • Errata percezione del vissuto dal punto di vista temporale
  • Sintomi fisici veri e propri, la maggior parte dei quali causati da posture scorrette e prevalentemente statiche: dolori a collo e schiena, problemi di vista e tunnel carpale

Nei casi più preoccupanti a livello psicologico, ovvero in quelli che afferiscono alla sfera cognitivo-comportamentale dell’individuo, si osservano i seguenti atteggiamenti:

  • Disfunzione dei pensieri su se stessi e sugli altri
  • Sensazione di disagio
  • Bassa autostima
  • Insicurezza
  • Difficoltà relazionali
  • Ansia
  • Sbalzi d’umore
  • Irascibilità
  • Nervosismo
  • Difficoltà a controllare gli impulsi

Tipologie

L’universo di internet è infinitamente ampio per cui la dipendenza da esso può essere sviluppata in riferimento a varie tipologie di attività che vanno dalla ricerca di informazione al gioco.
Una delle più comuni è associata alle attività ricreative quali giochi online, shopping e chat.

Di seguito abbiamo raccolto le più frequenti forme di dipendenza:

  • Da videogame
  • Da relazioni virtuali
  • Da shopping compulsivo
  • Da trading online
  • Da cybersesso
  • Da sovraccarico cognitivo/information overload (ricerca di informazioni)
  • Da lavoro (es. controllo smodato delle mail)
dipendenza da smartphone
hand chained to a beeping mobile phone, concept of internet addiction

Come specializzarsi: corso sulle dipendenze patologiche

La dipendenza, a qualunque sostanza, tecnologia o abitudine faccia riferimento, è un fenomeno comportamentale che può portare ad una serie di rischi per la la salute psico-fisica degli individui.

Ecco perché diventa fondamentale il supporto di profili specializzati, a seconda dei casi in campo medico, psicologico o sociale, in grado di predisporre interventi personalizzati ed efficaci, rivolti a prevenire o risolvere la problematica.

L’ambito operativo-professionale afferente le dipendenze patologiche è piuttosto delicato per cui richiede professionalità altamente specializzate.

Per acquisire il know how adeguato alle esigenze del settore è importante scegliere corsi post-laurea in grado di fornire competenze e conoscenze complete, approfondite e aggiornate sulla materia.
Tra le varie proposte presenti sul mercato formativo italiano segnaliamo il master in ‘Dipendenze patologiche: strategie di intervento e prevenzione’ attivato dall’Università Telematica Niccolò Cusano.

Il percorso di studi parte dall’analizzare i modelli comportamentali e le manifestazioni dell’addiction per arrivare a trattare gli interventi clinici e assistenziali più efficaci per trattare la patologia.

Il programma è impostato su una struttura didattica multidisciplinare, che tratta la dipendenza nei suoi aspetti medici, psicologici e sociali.
Ecco nel dettaglio gli argomenti trattati:

  • Aspetti fisici della dipendenza
  • Psicologia dell’educazione e psicologia della salute
  • Psicologia dei gruppi e psicologia della dipendenza
  • Dipendenza da sostanze: eroina, cocaina, smart drugs
  • Dipendenza da alcol
  • Dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo, internet, sesso)
  • Dipendenza affettiva
  • Dipendenza da cibo (disturbi del comportamento alimentare)
  • Prevenzione delle forme di dipendenza patologica (linee guida europee e nazionali)

Per la tipologia di argomenti e materie approfondite il corso si rivolge in via preferenziale ai laureati in psicologia, ai laureati in medicina, agli educatori, agli assistenti sociali, agli operatori sociosanitari laureati, ai farmacisti e ai laureati in scienze infermieristiche.

Grazie alla pratica modalità formativa e-learning il master può essere frequentato agevolmente anche da chi lavora ed è quotidianamente vincolato ad orari e impegni professionali.
Dal momento che le lezioni possono essere seguite online, in streaming, ogni studente ha la possibilità di impostare l’apprendimento sulla base delle personali esigenze.

Il master prevede una quota di iscrizione pari a 500,00 euro, da corrispondere in due rate.

Per ricevere ulteriori informazioni sul master online Unicusano compila subito con i tuoi dubbi e le tue domande il form che trovi qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali