informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è il Dell Business Model e perché è importante

Commenti disabilitati su Che cos’è il Dell Business Model e perché è importante Studiare a Milano

Nell’ambito della gestione aziendale e delle più efficaci strategie organizzative e operative messe in atto da piccole, medie e grandi aziende si sente spesso parlare di Dell Business Model, il modello di business che ha rivoluzionato il modo di fare impresa.

Di cosa si tratta esattamente e quali sono i punti cardine intorno ai quali sviluppa la sua efficienza?
Quali sono i motivi per i quali è sempre più utilizzato negli Stati Uniti e quali i motivi di una così ampia diffusione anche in altri paesi?

Attraverso questo post l’Università Telematica Niccolò Cusano di Milano intende fornire ai lettori una panoramica completa della tematica, realizzando una breve guida che analizza i punti principali sui quali si basa il modello Dell.

Modello di business: cos’è e a cosa serve

Prima di addentrarci nel cuore del nostro post, incentrato sul caso Dell, cerchiamo di capire cosa si intende per modello di business.

Avviciniamoci al concetto attraverso la spiegazionedi Alexander Osterwalder, l’ideatore del Business Model Canvas:

“Il Business Model descrive la logica con la quale un’organizzazione crea, distribuisce e cattura valore.”

Wikipedia fornisce invece la seguente definizione:

“Il modello di business, anche detto modello d’affari (business model) descrive le logiche secondo le quali un’organizzazione crea, distribuisce e raccoglie valore. In altre parole, è l’insieme delle soluzioni organizzative e strategiche attraverso le quali l’impresa acquisisce vantaggio competitivo.”

Quando si parla di valore si fa riferimento a prodotti e servizi attraverso i quali il cliente svolge un compito, soddisfa un desiderio e risolve un problema.

In conclusione, possiamo dire che il business model è l’insieme delle soluzioni organizzative che permettono ad un’azienda di creare valore e di essere competitiva sul mercato; rientra pertanto nelle sue stesse strategie di business.

Quando innovare il modello di business

L’attuale mercato risulta essere sempre più competitivo per cui le aziende hanno l’esigenza di allinearsi alle dinamiche e ai cambiamenti del settore di riferimento. Si rende pertanto necessario innovare con una certa frequenza il modello di business

Si parla in tal senso di Business Model Innovation, indispensabile in presenza di nuovi competitor, di nuovi bisogni da parte della clientela, di un rallentamento delle operazioni rivolte a creare valore.

Come realizzare un business model canvas

Lo stesso Alexander Osterwalder, citato in precedenza in riferimento alla definizione di modello di business, ha individuato la struttura ideale nella quale rappresentare le attività necessarie per gestire e/o innovare un business; stiamo parlando del Business Model Canvas per la cui costruzione sono previsti nove elementi:

  1. Partnership chiave: fornitori e collaboratori.
  2. Attività chiave: operazioni finalizzate alla creazione di valore (idea, produzione, promozione).
  3. Risorse chiave: strumenti, macchinari, software, punti vendita, risorse umane, brevetti, risorse finanziarie e tutto ciò che serve all’azienda per produrre valore.
  4. Valore offerto: utilità rispetto ai bisogni del cliente e valore aggiunto rispetto alla proposta dei competitor.
  5. Relazioni con i clienti: mezzi utilizzati per comunicare e mantenere i rapporti con la clientela.
  6. Canali: mezzi attraverso i quali il prodotto/servizio raggiunge il cliente (comunicazione, vendita, distribuzione).
  7. Clienti al quale viene proposto il prodotto/servizio, suddivisi in categorie in base ai bisogni, agli interessi al tipo di relazione e al profitto che rendono.
  8. Struttura dei costi: volume e tipologia di costi (fornitori, risorse, ecc.) sostenuti per gestire l’attività.
  9. Ricavi: incassi generati dalla vendita di prodotti/servizi.

Lo schema del modello Canvas mostra inoltre le relazioni tra i 9 elementi.

Il modello Dell

Il famosissimo Dell Business Model prende il nome da colui che lo ha ideato, Michael Dell, fondatore di una delle più importanti multinazionali al mondo specializzate nella produzione di personal computer e sistemi informatici.

Si tratta di una strategia di vendita diretta, che produce su ordine e vende direttamente al cliente finale, tagliando gli intermediari e i relativi costi.

Il Dell Business Model prevede una notevole riduzione dei passaggi che solitamente sono sostenuti da un’azienda per soddisfare la propria clientela.

I passaggi sono i seguenti:

  • Il cliente ordina via telefono o via internet
  • Il contratto di acquisto produce immediatamente l’ordine e fornisce tutte le informazioni relative ai componenti
  • Dell assembla i componenti del computer, mantenendo il contatto con il cliente
  • Il computer viene inviato direttamente al cliente attraverso UPS o FedEx
  • Il computer arriva nelle mani del consumatore finale

In sintesi il modello prevede un lavoro svolto esclusivamente sulla richiesta del cliente, sulla base delle cui esigenze viene sviluppato il prodotto. In tal modo vengono tagliati i costi relativi allo storage.

Per ottimizzare il processo di approvvigionamento Dell si avvale della produzione JIT, acronimo di Just In Time, il modello Toyota degli anni Ottanta che mira a ridurre l’inventario; esso consiste nel minimizzare il più possibile l’inventario dei componenti e rendere praticamente inesistente quello dei prodotti finiti.

Tra i vantaggi del modello l’eliminazione del passaggio che prevede il pagamento dei componenti ai fornitori per creare magazzino, prima ancora di ricevere il pagamento dal cliente per il prodotto finito.
Il dettaglio contribuisce tra l’altro alla determinazione di prezzi molto competitivi.

L’obiettivo finale della multinazionale può essere quindi identificato in una crescita del business basata sustrategie UGC (User Generated Contents).

Prendeno in considerazione il modello di business ‘tradizionale’, utilizzato dalla stessa tipologia di azienda, possiamo notare che i passaggi sono decisamente più numerosi e dispendiosi:

  • Analizzare la domanda per realizzare un prodotto appetibile sul mercato
  • Ordinare i componenti ai fornitori
  • Realizzare componenti di base
  • Assemblare i vari componenti
  • Immagazzinare i pc
  • Inviare i pc ai venditori
  • Attendere che i pc vengano venduti
  • Il computer arriva nelle mani del consumatore
modelli di business

Specializzarsi in innovazione dei processi di gestione

Il settore professionale che afferisce all’innovazione applicata ai processi di gestione si presenta interessante e appetibile, sia dal punto di vista operativo che occupazionale.

Trattandosi di un ambito soggetto a continui cambiamenti ed evoluzioni richiede professionalità qualificate, specializzate, in possesso di competenze e conoscenze aggiornate.

Tra le proposte formative che consentono di acquisire un know how appetibile e spendibile sul mercato segnaliamo il master in ‘Management dell’innovazione e delle nuove tecnologie’ attivato dall’Università Telematica Niccolò Cusano.
Si tratta di un corso post-laurea di II livello, afferente alle facoltà di Economia e Ingegneria, che mira a formare una delle figure più ricercate nel settore sia pubblico che privato: l’Innovation Manager.

Il master si rivolge in via preferenziale ai laureati in discipline economiche, giuridiche e politiche, ai quadri e agli impiegati di imprese private, agli imprenditori, ai funzionari e agli impiegati della PA, ai ricercatori e agli ingegneri.

Il programma di studi è impostato sull’approfondimento di materie e argomenti che consentono allo studente di sviluppare e gestire processi innovativi, sia per quanto riguarda prodotti e servizi e sia per la gestione delle risorse.

Ecco nel dettaglio le tematiche approfondite dal master:

  • L’innovazione nelle imprese, dalla teoria alla pratica
  • Knowledge Economy (KE): principi e prassi
  • Technology Transfer: principi e prassi
  • Project Management e innovazione
  • Operations Management e innovazione
  • Metodi di assessment dell’innovazione
  • Tutela della proprietà intellettuale
  • Innovazione e risorse umane
  • Comunicazione e promozione dell’innovazione

La professionalità acquisita attraverso il percorso di specializzazione permette di ricoprire i seguenti ruoli: innovation manager, R&D manager, project manager, consulente strategico.
Le competenze erogate dal master sono spendibili in svariati contesti quali le aree operations, logistica, business development, gestione e sviluppo delle risorse umane.

Il master Unicusano prevede un costo di 2.700,00 euro da corrispondere in 4 rate.
Per i laureati in discipline economiche, giuridiche, politiche e tecnico-scientifiche, per i laureati in Ingegneria e per i dipendenti della Pubblica Amministrazione è prevista una quota di iscrizione ridotta pari a 2.300,00 euro.

Per ulteriori info e dettagli sul percorso di specializzazione compila il form online che trovi cliccando qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali