informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Concorso per dirigenti scolastici: bando e requisiti 2017

Commenti disabilitati su Concorso per dirigenti scolastici: bando e requisiti 2017 Studiare a Milano

L’attesissimo bando di concorso per dirigenti scolastici è stato finalmente pubblicato dal Miur sulla Gazzetta Ufficiale.

Sono 2.425 i posti banditi, numero corrispondente ai posti vacanti nell’anno scolastico in corso più quelli che si renderanno disponibili in seguito ai pensionamenti previsti fino al 2021.

Di seguito i termini e le modalità di partecipazione al concorso, i requisiti per la candidatura e lo strumento per specializzarsi e acquisire le competenze indispensabili per svolgere la professioni di dirigente scolastico, o preside che dir si voglia.

Requisiti di partecipazione

Per partecipare al concorso di dirigente scolastico sono richiesti i seguenti requisiti:

  • Possesso di un diploma di laurea magistrale, specialistica o conseguita in base al previgente ordinamento; oppure diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con il diploma di istituto secondario superiore; oppure diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.
  • Essere assunti nelle scuole statali a tempo indeterminato e aver ottenuto la conferma di ruolo (aver superato l’anno di prova).
  • Aver prestato almeno cinque anni di servizio nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema di istruzione nazionale. Nel computo del quinquennio rientrano anche eventuali anni di precariato.

Domanda di ammissione

Il regolamento del concorso per dirigenti scolastici 2017 stabilisce i termini di presentazione della domanda di partecipazione.

L’istanza può essere presentata a partire dalle 09.00 del 29 novembre 2017 fino alle ore 14.00 del 29 dicembre 2017, attraverso la procedura online del sistema POLIS.

Le fasi del concorso

Il concorso  per dirigenti scolastici prevede una selezione articolata in tre fasi: l’eventuale prova selettiva, il concorso di ammissione al corso di formazione dirigenziale e il corso di formazione dirigenziale con il relativo tirocinio.

Analizziamole una per una.

concorsi nella scuola

Fase preselettiva

La preselezione, unica a livello nazionale, è prevista nel caso in cui le candidature superino di tre volte i posti resi disponibili dal bando.

La prova si svolge al computer e prevede 100 domande-quiz estratte da una banca dati.
L’obiettivo della prima fase del concorso è verificare il possesso, da parte dei candidati, delle conoscenze di base necessarie per lo svolgimento delle mansioni dirigenziali.

Sulla base dei risultati (punteggio ottenuto) è ammesso allo scritto un numero di candidati pari a tre volte il numero dei posti disponibili per il corso di formazione.

 Concorso di ammissione

Superata la fase di preselezione i candidati hanno diritto all’accesso al concorso pubblico, per il quale sono previste due prove, una scritta e una orale.

La prova scritta prevede:

  • 5 domande a risposta aperta sulle seguenti tematiche: normativa del settore istruzione; organizzazione del lavoro e gestione del personale; programmazione, gestione e valutazione presso le scuole; ambienti di apprendimento; diritto civile e amministrativo; contabilità di Stato; sistemi educativi europei.
  • 2 domande a risposta chiusa in lingua straniera (livello B2) su argomenti inerenti a: organizzazione degli ambienti di apprendimento e sistemi educativi europei

Per accedere alla fase orale i candidati devono necessariamente totalizzare un minimo di 70 punti.
Nell’ambito della prova rientra la verifica della preparazione professionale, delle conoscenze informatiche e della lingua straniera; è prevista tra l’altro anche la risoluzione di un caso pratico.

Corso di formazione dirigenziale e tirocinio

I candidati che superano le prove, scritta e orale, del concorso sono ammessi al corso di formazione dirigenziale.
L’ammissione si basa su una graduatoria che prende in considerazione i titoli degli aspiranti dirigenti scolastici.

Il corso prevede due mesi di lezioni in aula e quattro di tirocinio a scuola, per i quali è prevista l’integrazioni di sessioni di formazione a distanza.

Al termine del corso è prevista un’ulteriore prova nell’ambito della quale rientra una valutazione scritta e un colloquio orale.

Preparazione concorso dirigente scolastico

Per assecondare le esigenze di preparazione in vista della partecipazione ai concorsi pubblici, e allo stesso tempo per garantire un adeguato livello di aggiornamento a chi opera già nell’ambito delle dirigenza nelle scuole, è disponibile il master in ‘Dirigenti nelle Istituzioni Scolastiche’ erogato dall’Università Telematica Niccolò Cusano.

Si tratta di un percorso post-laurea di secondo livello, afferente alle facoltà di Scienze della Formazione ed Economia, il cui obiettivo è formare profili dalle competenze aggiornate e perfettamente allineate alle evoluzioni del settore, sia in ambito normativo che operativo.

Il piano didattico è strutturato per assicurare ai corsisti una preparazione aggiornata e completa sulle seguenti materie:

  • La figura professionale del dirigente scolastico
  • La scuola come luogo della pubblica amministrazione e delle responsabilità
  • La scuola come luogo di formazione, delle relazioni e della progettualità
  • La scuola come luogo di innovazione (Didattico organizzativa, Normativa, Tecnologica) e di miglioramento

Tra i plus del percorso di specializzazione, oltre all’elevato livello qualitativo, la possibilità di scegliere la formazione a distanza, l’innovativa modalità di erogazione dei contenuti che garantisce totale libertà nell’organizzazione dello studio.

Se vuoi superare il concorso pubblico e diventare dirigente scolastico inizia subito a prepararti per la selezione; iscriviti al master Unicusano oppure contatta il nostro staff attraverso il modulo online che trovi cliccando qui per ricevere maggiori info e dettagli.