informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

A cosa serve un mentore (e che benefici offre)

Commenti disabilitati su A cosa serve un mentore (e che benefici offre) Studiare a Milano

Supportare il processo di apprendimento, facilitare l’inserimento nel mondo del lavoro, consigliare,  promuovere la crescita professionale, stimolare la crescita personale: ecco spiegato a grandi linee a cosa serve un mentore.

Crescere e migliorare rappresentano due obiettivi ricorrenti sia in ambito personale che professionale.
In entrambi i casi non si tratta di processi semplici e immediati; richiedono impegno e qualche volta anche un aiuto concreto da parte di una guida, una persona con esperienza in grado di supportare e consigliare. 

Chi è il mentore e cosa fa

Partiamo dalle origini del termine, che affondano nella mitologia greca, e più precisamente nell’Odissea di Omero.
Mentore era il personaggio al quale Ulisse affidò la sua casa e il figlio Telemaco prima di partire per la guerra di Troia.

Il suo ruolo era quello di consigliere fidato, preposto a proteggere la famiglia dell’eroe omerico durante la sua assenza.

Per iniziare a familiarizzare con l’attività svolta da un mentore riportiamo di seguito la definizione del concetto di ‘mentoring’ fornita dall’Associazione italiana mentoring:

“Con il termine anglosassone ‘mentoring’ si indica un processo metodologico formativo nel quale una persona, il mentore segue e promuove la carriera e lo sviluppo professionale di un’altra persona, il mentee, instaurando un rapporto che non è di subordinazione bensì caratterizzato da una relazione amichevole e cordiale di complicità, reciproca fiducia e sostegno. In pratica, il mentore è generalmente un esperto in un determinato settore, mentre il mentee è un neofita in un determinato ruolo o settore.”

Il mentore è quindi una persona che, rispetto ad un argomento o un ruolo, vanta un bagaglio di esperienze e conoscenze superiore a quello dell’allievo, e che pertanto può trasformarsi in una guida.
Si tratta di una sorta di consigliere che supporta la crescita e il miglioramento in svariati ambiti di vita.
La condivisione delle sue conoscenze ed esperienze si trasforma in insegnamento; ecco perché il mentoring è definito come un metodo di formazione.

La figura si inserisce quindi sia nell’ambito della gestione dei percorsi di studio e sia nei processi che riguardano l’accesso al mondo del lavoro e la carriera professionale.

Per quanto riguarda l’ambito scolastico/universitario, il mentore ricopre il duplice ruolo di guida-supporto.

Il profilo fornisce supporto di tipo morale e motivazionale, per cui da un lato aiuta a superare le difficoltà pratiche legate al percorso di studi e dall’altro ad adottare il giusto approccio nei confronti dei ritmi e delle dinamiche universitarie.

Consapevole dei benefici in termini di risultati che la figura garantisce nell’ambito dell’apprendimento, l’università telematica Niccolò Cusano di Milano ha attivato una serie di percorsi di studio incentrati proprio sul supporto del mentore. Un supporto personalizzato che si basa sulla conoscenza approfondita dello studente e delle sue necessità.

Il mentore interviene anche nel delicato momento che segna il passaggio dall’università al mondo del lavoro, fornendo consigli e dritte per identificare e trovare l’impiego più adatto alle personali attitudini.

Particolarmente frequente la sua presenza in ambito professionale, dove solitamente condivide esperienze e conoscenze al fine di agevolare i processi di inserimento relativi ai profili neofiti.

Il mentore è quindi una persona che conosce approfonditamente la persona che segue, i suoi limiti, le sue difficoltà, le potenzialità e le attitudini.

A seconda dei casi, e dei contesti nei quali si inserisce, può essere un professore universitario, un allenatore, un coach, un collega di lavoro con un buon bagaglio di esperienza, un responsabile.

I requisiti

Per poter svolgere al meglio il ruolo di guida il mentore deve possedere una serie di requisiti personali, da affiancare a conoscenze tecniche che variano a seconda del contesto nel quale si inserisce.

Il profilo in oggetto deve avere buone capacità relazionali per poter costruire un rapporto di fiducia con l’allievo.

Deve essere una persona empatica, per cui predisposta ad ascoltare e comprendere le esigenze dell’altro.

Tra i requisiti indispensabili rientra anche la leadership, ovvero quell’atteggiamento che consente di diventare un modello da seguire e che allo stesso tempo permette di ottenere rispetto da parte degli allievi.

A cosa serve un mentore: i benefici

La presenza di un mentore, il suo supporto e la sua guida, determinano una serie di vantaggi che coinvolgono sia la sfera psicologica e motivazionale che quella tecnico-pratica.

Dal momento che mette la sua esperienza a disposizione di chi ne ha poca, o di chi non ne ha affatto, in merito ad una determinata attività, si rivolge prevalentemente ai giovani che iniziano un nuovo percorso di vita, in ambito scolastico, professionale o personale.

Concludiamo il post con un elenco di benefici determinati dal supporto di un mentore:

  • Metabolizzare e affrontare nel modo giusto i cambiamenti
  • Individuare i propri punti di forza, conoscere meglio se stessi
  • Individuare le carenze da colmare e le competenze da migliorare
  • Individuare percorsi professionali in linea con le personali attutudini
  • Conoscere i trucchi e i segreti del mestiere
  • Potenziare o individuare la leva motivazionale
  • Acquisire fiducia in se stessi

Credits immagine: DepositPhoto.com/garagestock

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali